Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up
Prevenzione e salute, torna “Tennis & Friends”. Meneschincheri: l’Associazione Gaia sarà un alleato prezioso

Prevenzione e salute, torna “Tennis & Friends”. Meneschincheri: l’Associazione Gaia sarà un alleato prezioso

Ci sarà anche la giovanissima Associazione G.A.I.A. alla prossima edizione di “Tennis & Friends”, uno dei più importanti eventi sociali nell’ambito della prevenzione in Italia. L’appuntamento è per sabato 15 maggio agli Internazionali BNL d’Italia al Foro Italico di Roma, dove sarà inaugurato il Tour 2021 organizzato in occasione del decennale del progetto che vede il coinvolgimento in prima linea del mondo della salute e dello sport.

L’evento, organizzato in collaborazione con Federtennis, Sport e Salute e l’Istituto di Medicina dello Sport di Sport e Salute, potrà essere seguito dal pubblico comodamente in streaming con diversi collegamenti dai profili Youtube, Facebook ed Instagram di “Tennis & Friends” a partire dalle 10.00.

In contemporanea l’Istituto di Medicina dello Sport di Sport e Salute, aprirà i propri ambulatori presso la struttura dell’Acqua Acetosa, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anticovid, per effettuare le visite specialistiche gratuite prenotabili per sabato 15 maggio dalle 9 alle 18 e per le due settimane successive, dal 17 al 21 maggio e dal 24 al 28 maggio.

Un impegno nel segno della prevenzione condiviso da G.A.I.A., l’associazione nata su iniziativa di Gabriella Saracino nel ricordo di Gaia von Freyman e della sua amica del cuore Camilla Romagnoli. “Con Gabriella e l’Aci – precisa il Presidente di “Tennis & Friends” Giorgio Meneschincheri, docente universitario e medico presso il Policlinico Gemelli di Roma – operiamo da tempo in sinergia sui temi della prevenzione stradale. Con la nostra iniziativa facciamo prevenzione sulla salute, ma lavoriamo anche per orientare i ragazzi e le famiglie sui comportamenti e gli stili di vita più giusti e corretti”.

“Tennis & Friends” festeggia quest’anno i primi dieci anni di attività, un traguardo importante nel segno della cultura della prevenzione.

Non possiamo che essere orgogliosi del nostro impegno. La nostra azione andrà avanti in maniera ancora più decisa, non ci si può mai fermare. Soprattutto quando si parla di giovani e prevenzione. Con “Tennis & Friends” ad esempio, anche attraverso simulazioni e prove dal vivo che quest’anno non potremo svolgere, proviamo a far capire ai giovani i rischi che si corrono mettendosi alla guida di un’auto dopo aver bevuto. E’ un’azione che portiamo avanti da tempo per sensibilizzare i ragazzi, ma anche le famiglie. Non possiamo che essere contenti che ora, al nostro fianco, ci sarà anche G.A.I.A., un’associazione animata dai nostri stessi propositi.

Nella prevenzione stradale gioca un ruolo fondamentale la famiglia, chiamata a vigilare sui comportamenti dei propri figli.

Non c’è dubbio, la nostra azione del resto è rivolta anche a loro. Oggi i giovani sono molto più avanti di quanto lo potevamo essere noi alla loro età. A 15-16 anni hanno molte più possibilità, più opportunità e, di conseguenza, corrono anche qualche rischio in più. Certo, in molti casi dipende anche da noi, dai nostri comportamenti. Se, ad esempio, si evitasse la vendita di bevande alcoliche ai minori si ridurrebbero notevolmente i rischi. Per vincere questa sfida serve il contributo di tutti, e non sempre la punizione è la soluzione, anzi. I ragazzi vanno guidati, sostenuti, facendo capire loro i rischi legati al consumo di alcol, non solo quando si guida un’auto, ma anche per la loro salute. L’alcolismo è una piaga sociale terribile, i numeri sono molto preoccupanti.

Come si fa a fare prevenzione in piena pandemia?

Non è facile, ma noi anche quest’anno ci siamo organizzati al meglio. La prevenzione, in questa fase, è ancora più importante perché, complice il Covid e le relative restrizioni, i controlli si sono notevolmente ridotti.

Nel corso di questi anni ha visto crescere l’attenzione delle persone verso la prevenzione?

Non c’è dubbio, basti pensare che, nove anni fa, abbiamo iniziato con 4 postazioni mediche e 400 visite. Oggi ci avvaliamo di 107 postazioni mediche per 27mila visite in due giorni. In questi anni abbiamo fatto circa 100mila visite, consentendo al 30 per cento dei nostri utenti di scoprire patologie curate poi farmacologicamente e a circa il 6 per cento di venire a conoscenza di patologie maligne, successivamente trattate. Non possiamo che essere orgogliosi della nostra azione che consente anche alle persone bisognose e con meno possibilità di essere controllate da professionisti di primo livello. Senza contare che una corretta prevenzione consente di intervenire da subito sul paziente, riducendo così le spesa a vantaggio anche del sistema sanitario nazionale. Crediamo non ci sia impegno più gratificante che contribuire al miglioramento della nostra salute e a salvare vite umane.

Un impegno che ora condividerete anche G.A.I.A.

E’ una presenza che ci darà ancora più spinta ed entusiasmo. Fare rete è fondamentale. Quando si trattano questioni così importanti c’è bisogno di operare in sinergia e di collaborare su progetti e obiettivi condivisi. Con G.A.I.A. si rafforzerà ulteriormente un percorso di condivisione già da tempo in essere con Gabriella Saracino. Il nostro impegno sulla prevenzione sarà ancora più forte e incisivo.